Biografia

La rivista musicale inglese “Gramophone” ha recensito la sua registrazione integrale delle opere originali per pianoforte di Prokofiev come “uno dei più autorevoli ed appassionati di tutte le esecuzioni romantiche finora disponibili su disco”. La sua interpretazione delle sonate belliche di Prokofiev ha ricevuto la prestigiosa nomination di “Classic CD choice” fra tutte le incisioni già esistenti di quelle composizioni (tra cui di Richter, Berman, Ashkenazy).

Nato a Baku (ex-URSS), OLEG MARSHEV ha mostrato sin dall’infanzia un notevole talento musicale. Formatosi con Valentina Aristova alla famosa Scuola Gnesiny di Mosca e proseguendo poi gli studi con Mikhail Voskresensky al Conservatorio moscovita, presso il quale nel 1984 ha conseguito la laurea con lode e successivamente il suo dottorato. Residente in Italia dal 1991, Oleg Marshev é stato premiato a diversi concorsi internazionali in Canada, Italia, Portogallo, Spagna, Stati Uniti. I suoi quattro primi premi hanno confermato la già conosciuta reputazione, quella di uno dei migliori talenti pianistici russi della sua generazione.

L’artista ha debuttato al Lincoln Center “Alice Tully Hall” di New York nel 1991 e l’anno successivo è apparso per la prima volta nella Concertgebouw di Amsterdam che l’ha portato ad essere ripetutamente invitato in quella prestigiosa sede. Da allora tiene concerti in tutto il mondo, dal Canada alla Nuova Zelanda, suonando con orchestre quali London Philharmonic, nelle sale quali Wigmore Hall di Londra e per le più importanti società come il Festival “A.B.Michelangeli” di Brescia e Bergamo, Ruhr Klavier Festival in Germania, Festival Pianistico di Roque d’Anthéron in Francia.

Marshev é anche impegnato in campo didattico. Attualmente è il Professore dell’ Università “Anton Bruckner” a Linz, Austria e tiene corsi di perfezionamento in Italia e all’estero. Lui é frequentemente invitato a fare parte della giuria di numerosi concorsi pianistici nazionali ed internazionali.

Il primo grande progetto discografico realizzato da lui riguarda l’incisione dell’opera integrale di Prokofiev, per pianoforte solo, in cinque CD, effetuato per la casa discografica danese Danacord. Finora Marshev ha inciso almeno trentacinque CD con musiche di F. Schubert, J. Brahms, R. Strauss, A. Rubinstein, P. Pabst, S. Rachmaninov e di molti altri. Ha realizzato la prima registrazione mondiale di tutte le opere di Emil von Sauer in sei CD, la cui musica è certamente poco nota o quasi dimenticata. Degna di nota è l’incisione del ciclo dei Concerti romantici danesi, in quattro CD.L’artista è probabilmente l’unico al mondo ad aver registrato tutte le opere per pianoforte e orchestra dei più grandi compositori russi: Tchaikovsky, Rachmaninov, Prokofiev, Shostakovich. Nel luglio sono uscite due nuove integrali: Chopin – tutte le opere per pianoforte ed orchestra in 2 CDS e Mendelssohn – tutte le opere per pianoforte ed orchestra in quattro CD.

Tutte queste registrazioni hanno subito richiamato l’attenzione e il grande apprezzamento della critica internazionale. Il CD con i concerti di Shostakovich è stato recensito da BBC Music magazine con le parole: “Marshev è il fenomeno, il maestro di ogni stato d’anima, di sensibilità controllata dalla intelligenza e sentimento.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *